Il valore aggiunto della certificazione della professionalità. Perché certificarsi?

La certificazione delle persone e del professionista è, tendenzialmente, volontaria ed è rivolta a persone che sono già dei professionisti.

La certificazione delle persone non è un sistema di accesso al mondo del lavoro ma un sistema di conferma di una professionalità.
 Allora quali sono i motivi per cui un professionista dovrebbe certificarsi?

 
  • La certificazione è, come detto, volontaria ma in alcuni casi sussistono degli obblighi di legge ovvero lo Stato, attraverso una Legge o un Decreto Legge o un Regolamento impone la certificazione. Sono dei casi abbastanza rari: coloro che installano o fanno manutenzione ad esempio ai condizionatori che usano Gas Fluorurati devono essere certificati sia per lavorare sia per acquistare il gas Fluorurato; i security manager, che lavorano negli istituti di vigilanza di una certa dimensione, devono essere certificati; allo stesso modo gli Energy Manager delle aziende energivore devono essere certificati. Casi rari ma tendenza, da parte dello Stato italiano, in crescita. 
In questo caso la certificazione delle propria professionalità è un obbligo di legge.
  •  
  • Il primo elemento riferito alla volontarietà è la possibilità di vedere riconosciuta in modo inequivocabile e secondo requisiti stabiliti una propria professionalità, quindi non attraverso schemi autoreferenziali, ma con una certificazione di una terza parte indipendente, l’Ente di Certificazione, che è controllato da Accredia a garanzia del suo operato. 
La certificazione è quindi un utile strumento di benchmarking per distinguersi nel mondo del lavoro.
  •  
  • Un altro elemento è il fatto di poter fornire una garanzia, un sistema di riduzione del rischio per il proprio datore di lavoro, per i clienti e per il mercato in generale che in una fase di scelta o selezione non sa come orientarsi
  •  
  • L’essere certificato è ormai sinonimo anche di affidabilità quindi aumenta il “valore” della propria professionalità
  •  
  • L’essere certificato è uno strumento di marketing personale, il proprio riferimento nominativo compare sui data base pubblici di Accredia, ed è un elemento distintivo
  •  
  • L’essere certificato sulla base di una norma UNI da un Ente di certificazione accreditato ISO 17024 da Accredia sulla specifica norma, porta anche ad un pieno allineamento ai requisiti di legge definiti dalla Legge 4/2013 “Disposizioni in materia di professioni non organizzate”
  •  
  • La certificazione personale è un potenziale elemento di “manleva” rispetto la “culpa in eligendo” che interviene anche nel D.lgs 231 “Responsabilità amministrativa da reato”. 
Eleggere a un determinato compito una persona certificata rappresenta la migliore scelta che un datore di lavoro possa compiere, basandola su un certificato emesso da un Ente terzo indipendente.
 

Contattaci oggi stesso per avere maggiori informazioni sulla certificazione della tua professionalità!

 
Chiamaci, siamo qui per aiutarti +39 02 95383833